Abbado

Sollazzi Giorgio

Electric Giants

Il compositore Giorgio Sollazzi, tempo fa, scrisse che sostanzialmente il suo lavoro si sviluppava su due fronti: composizione dei cosiddetti "potenziali" e composizione dello "scriptum". Concetti che chiaramente, sopratutto coloro che non sono troppo ferrati nel campo della musica contemporanea, potranno meglio comprendere leggendo le note del maestro Sollazzi. Tant'è, anche prescindendo da letture e parafrasi, un ascoltatore attento potrà comunque cogliere il senso dei "Giganti elettrici". Un titolo che ci riconduce, anche e non solo, alle tracce del Cd edito dalla Baby music: 1. The First Time of Paganini; 2. Thank You, Renata; 3... Luz, Pollini; 4. A Abbado, Grande Giovane; 5. Domingo & Company; 6.

Condividi contenuti