• user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:d5de12cf19b3979fea0da15f20bd888a' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p align=\"justify\"><font size=\"2\">‘Il padre degli animali’ non è un romanzo, non in senso stretto. Da Wikipedia: Il romanzo è un genere della narrativa in prosa, caratterizzato da un testo di una certa estensione. </font></p>\n<p align=\"justify\"><font size=\"2\"><em>Dunque.</em></font></p>\n<p align=\"justify\"><font size=\"2\">‘Il padre degli animali’ non è una prosa lineare, tutt’al più una serie di piani dove talune volte la prosa si mescola alla poesia. Inoltre non è un testo solo, bensì ci sono quanto meno due livelli che salgono e scendono in questa giostra che è il tessuto narrativo imbastito con arte, pazienza e sapienza da Di Consoli.<br />Il primo livello, lo si potrebbe definire, è la storia del Padre e del Figlio, una storia che accompagna il lettore nel corso delle pagine, anzi, è il lettore stesso che si aggrappa alle loro vicende per non annegare, per non rischiare di perdere l’orientamento. </font></p>\n<p align=\"justify\"><font size=\"2\">Ma c’è quanto meno un altro livello, lo si potrebbe definire secondo non per importanza bensì per presenza. Appare dopo, questo livello, quando il Padre e il Figlio si sono già presentati. Appare quindi qualcos’altro, che parla di loro due ma anche di altri, di altro. Poi scompare, come un programma in stand by lasciando di nuovo spazio agli accadimenti che ruotano attorno ai personaggi in carne e ossa (perché di personaggi ce ne sono tanti in questo ‘romanzo’ e non sempre con muscoli e cervello, come ‘la collina odora’ o ‘il gesto di’, ‘le mosche’ e i sogni che fa il figlio).&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; <br />C’è, in sostanza, una trama principale che racconta di un padre fuggito dalla sua terra nativa per cercare fortuna in Svizzera ma poi tornato, assieme al figlio, perché</font></p>\n<p align=\"justify\"><font size=\"2\">‘Nessuna terra vuole questo corpo morto come quella terra esatta che ha sentito i piedi caldi delle corse […]E quella terra sta lì ferma e aspetta, e riconosce tutti, e assegna un albero, un fiore, una croce’. (pag.12)</font></p>\n<p align=\"justify\"><font size=\"2\">Il padre vorrebbe crescere il figlio in quei luoghi che lo hanno visto, a suo tempo, bambino. Si propone al sindaco per un posto da bidello (che non salterà mai fuori), finisce in un cantiere poi su un furgone che vende frutta fresca al dettaglio <i>poi</i>. Ne prova tante, insomma, di soluzioni questo padre che non si arrende pur svelandosi, a tratti, rassegnato. Di Consoli tratteggia una figura tormentata, crudele quanto fragile, forte ma che fatica ad avere certezze, combatte poi indietreggia, vorrebbe ma non arriva. Il padre è un uomo capace di ferire il gatto per dargli una lezione poi però sta male a chiedere un posto di lavoro al sindaco (‘Il padre ringrazia, epperò esce come avesse rubato a faccia nuda. Prima di accendere l’Opel, ha voglia di piangere, e infatti gli s’inumidiscono incontrollatamente gli occhi. (pag.30). In effetti l’essenza di questa figura viene chiaramente espressa dallo stesso Di Consoli a pag.119: ‘[…] nessun padre è veramente padre se i padri si ergono sul mondo, se non sono smarriti, se non ammettono di essere timidi per troppa paura e aggressivi per troppa timidezza’. L’obbiettivo principale del Padre, quindi, è trasmettere al figlio le conoscenze, insegnargli a stare nel ‘mondo rotondo’, a gestire le situazioni e a rialzarsi dalle cadute. ‘Impara a crescere senza guardare le persone che ti circondano. Ama i luoghi nonostante le persone. (pag.23) in una continua ricerca del ‘bene migliore’ come fosse un’ancora, la regola più importante che tiene lontano il male, impedisce agli uomini di perdersi per sempre perché ‘ Il bene migliore è fare il bene su questa terra anche quando senti che le forze ti abbandonano’ (pag.108). Sono dunque insegnamenti duri, spesso espressi come ordini che il figlio ascolta <i>ma</i>.<br />Perché anche il figlio è una figura dai lineamenti contradditori, marcati ma ancora confusi.</font></p>\n<p align=\"justify\"><font size=\"2\">Ci sono alcuni aspetti, di questo figlio, che fanno riflettere. E’curioso, il figlio, domanda spesso al padre (ogni volta che può) e si intestardisce se le risposte non lo soddisfano o sono frettolose (salvo poi scusarsi quanto sente il padre irritato). ‘Il figlio vorrebbe capire tante cose’ (pag.54), è quindi sensibile (forse troppo, secondo il padre, che spesso lo ammonisce tentando di interrompere certi pensieri ‘perché è troppo piccolo per’). Ma ha anche paura, il figlio, soprattutto di morire. E queste sue paure lo porteranno a ragionare da solo (nei sogni), a fissarsi su simil-veri puntini rossi sulla pelle, a temere le malattie altrui e ad avere un presentimento sul padre stesso.&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; <br />In effetti in questo ‘romanzo’ si parla spesso della morte, in ogni sua eccezione.</font></p>\n<p align=\"justify\"><font size=\"2\">‘ I padri non vorrebbero mai morire; e i figli non vorrebbero mai trovarsi da soli in questa valle.’ (pag.49) esordisce Di Consoli, ma va oltre, si addentra nei meandri delle dinamiche, prova a spiegare cos’è questa paura (del figlio ma poi di tutti) e lo fa all’improvviso, alternando i livelli, colpendo il lettore più forte che può. ‘ Cadono così, le persone. All’improvviso, una malattia, sentono una fitta, un capogiro, un colpo di tosse con un grumo di sangue. Ci lasciano così, le persone, lentamente, e nessuno è preparato’. (pag.84) Fino a smorzare i toni, a trovare un senso a tutto questo dolore, alla paura sorda per l’incognita, l’imprevedibile quanto inevitabile scomparsa che in questo ‘romanzo’ accompagna alcuni personaggi come un alone oscuro: ‘ i morti sono dentro di noi, tutti i nostri pensieri sono pensieri di persone che già sono morte. E i morti sono fiori, […](pag.117).</font></p>\n<p align=\"justify\"><font size=\"2\">Di Consoli ha la capacità di incrociare i livelli, questi piani che si alternano si impongono sul lettore, dettano il ritmo, ed è un ritmo pacato (non lento, non veloce). Perché al lettore deve mancare l’ossigeno se non.&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; <br /><i>Se non</i> coglie i simboli. &nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; <br />E’questa la vera sfida, secondo me. </font></p>\n<p align=\"justify\"><font size=\"2\">‘Il padre degli animali’ non è la storia di un padre e di suo figlio. Non è Angela e le sue crisi che gli adulti non capiscono. Non è Zio Cotura e i suoi tumori ai fianchi. Non è il barbiere assessore che promette. <i>Non è.&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; <br /></i>I gesti, i dialoghi, le descrizioni. Penso che dietro agli elementi ci sia una sorta di codice, di simbolisno, di significato che va oltre il corpo o l’azione. E non è facile.<br /><i>Non è facile</i> perché ci sono libri fatti per essere ascoltati. Che richiedono un certo tipo di impegno e apertura mentale. Non per questo un libro del genere deve essere sconsigliato. <i>Anzi.</i> A maggior ragione diventa una sfida, un modo per lasciarsi alle spalle la smania della trama, l’overdose di sangue, inseguimenti, misteri, indagini, baci rubati, sesso ostentato, forzatamente estremo, sbattuto ovunque. <i>Anzi.&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; </i><br />‘Il padre degli animali’ si aggrappa alla pazienza. Alla voglia di scavare senza paura di sporcarsi. Alle incertezze che nutrono le curiosità. Al riconoscersi umani in un mondo mutevole e ostile. All’accettare il male, la morte, le malattie, le cattiverie, la solitudine e i silenzi. Al lasciare delle tracce. Tracce che riguardano tutti i padri un po’, e tutti i figli altrettanto.</font></p>\n<p align=\"justify\"><font size=\"2\">‘La vita dei vivi è solo una giornata di sole nella grande eternità solare degli uomini’(pag.40) .</font></p>\n<p align=\"justify\"><font size=\"2\">‘La grande vena che porta la luce e il sangue nel mondo rotondo è occlusa dal genere umano che non capisce neanche più una ragione per sorridere all’opera che si compie […]; è una vena che ogni giorno si occlude un poco, si arrugginisce, si riempie di catrame – per questo motivo, ogni mattina, il mondo è un poco più esangue.’ (pag.186)</font></p>\n<p align=\"justify\"><font size=\"2\">Sono queste le tracce che più mi hanno colpito. Che parlano della vita con sofferenza, crudeltà. Che descrivono questo nostro mondo per quello che è, senza vezzi o brillantini. Che puntano ad aprire gli occhi anche dei più assonnati.</font></p>\n<p align=\"justify\"><font size=\"2\">Manca la figura femminile. La madre. E di questo mi piacerebbe poter discutere con Di Consoli (<i>chissà un giorno magari</i>). Di lei, della madre, brevi accenni fugaci, che si perdono facilmente. Il più evidente viene proprio dal figlio che pur non cercandola mai materialmente la pensa ‘ e vorrebbe che la madre – la madre bambina, ferma con un sorriso incerto nella luce grigia del 1971- abitasse interamente un abito esatto di parole’ (pag.54). Questo abito esatto di parole che non c’è, manca e forse non è mai esistito è davvero un buco grande, un fardello che il figlio colma con l’amore verso il padre, la devozione, le paure e l’obbedienza. Eppure c’è.</font></p>\n<p align=\"justify\"><font size=\"2\">Il padre e il figlio non hanno nomi. Né cognomi. E la valle è solo la valle con alcuni accenni al sud d’Italia ma senza precisi riferimenti geografici. E’ il sud di tutti, dell’umanità, per questo non ha nomi. Ed è un sud che sarebbe ora di riconoscere, capire e magari combattere in quelle venature purulente quanto dolorose, che si macchiano di rassegnazione, forse, ma che non mancano di curiosità verso.<br /></font></p>\n<p align=\"justify\"><font size=\"2\"><strong>EDIZIONE ESAMINATA E BREVI NOTE</strong></font></p>\n<p align=\"justify\"><font size=\"2\"><em>Di Consoli Andrea ( Zurigo, 1976)</em> scrittore.&nbsp; Per nove anni ha abitato in Lucania e dal 1996 vive a Roma. Scrive su \'l\'Unità\', \'il Messaggero\' e \'Nuovi argomenti\'. Dal 2001 collabora con \'Taccuini italiano\', programma radiofonico di Rai International. Ha pubblicato saggi, la raccolta poetica \'Discoteca\' (2003) e il libro di racconti \'Lago negro\' (2006). Dal 2004 dirige la casa editrice Avagliano.</font></p>\n<p align=\"justify\"><font size=\"2\"><strong>APPROFONDIMENTI IN RETE</strong></font></p>\n<p align=\"justify\"><font size=\"2\">Altre recensioni: <a href=\"http://www.lucanianet.it/modules/news/article.php?storyid=4766\">Lucanianet</a>, <a href=\"http://stefanodonno.blogspot.com/2007/08/andrea-di-consoli-il-padre-degli.html\">Stefano Donno Blog</a> , <a href=\"http://scritture.blog.kataweb.it/francescamazzucato/2007/02/06/\">Nunzio Festa</a> su Books and other sorrows.<br />Di Consoli cura una rubrica all\'interno dell\'open blog di Massimo Maugeri,<a href=\"http://letteratitudine.blog.kataweb.it/category/la-stanza-dello-scirocco-di-andrea-di-consoli/\"> Letteratitudine(la stanza dello scirocco)</a></font></p>\n<div class=\"views-row views-row-12 views-row-even\"><span class=\"views-field-field-autore-value\"> <span class=\"field-content\"><a href=\"../../../../../archivio-articoli/Di%20Consoli%20Andrea\">Di Consoli Andrea</a></span> </span> - <span class=\"views-field-title\"> <span class=\"field-content\"><a alt=\"Discoteca\" title=\"Discoteca\" href=\"../../../../../letteratura/di-consoli-andrea-discoteca.html\">Discoteca</a></span> </span> - <span class=\"views-field-name\"> <span class=\"field-content\"><a href=\"../../../../../autori/franchi\">franchi</a></span> </span></div>\n<div class=\"views-row views-row-13 views-row-odd\"><span class=\"views-field-field-autore-value\"> <span class=\"field-content\"><a href=\"../../../../../archivio-articoli/Di%20Consoli%20Andrea\">Di Consoli Andrea</a></span> </span> - <span class=\"views-field-title\"> <span class=\"field-content\"><a alt=\"Il padre degli animali\" title=\"Il padre degli animali\" href=\"../../../../../letteratura/di-consoli-andrea-il-padre-degli-animali.html\">Il padre degli animali</a></span> </span> - <span class=\"views-field-name\"> <span class=\"field-content\"><a href=\"../../../../../autori/BarbaraGozzi\">BarbaraGozzi</a></span> </span></div>\n<div class=\"views-row views-row-14 views-row-even\"><span class=\"views-field-field-autore-value\"> <span class=\"field-content\"><a href=\"../../../../../archivio-articoli/Di%20Consoli%20Andrea\">Di Consoli Andrea</a></span> </span> - <span class=\"views-field-title\"> <span class=\"field-content\"><a alt=\"La curva della notte\" title=\"La curva della notte\" href=\"../../../../../letteratura/di-consoli-andrea-la-curva-della-notte-2.html\">La curva della notte</a></span> </span> - <span class=\"views-field-name\"> <span class=\"field-content\"><a href=\"../../../../../autori/franchi\">franchi</a></span> </span></div>\n<div class=\"views-row views-row-15 views-row-odd\"><span class=\"views-field-field-autore-value\"> <span class=\"field-content\"><a href=\"../../../../../archivio-articoli/Di%20Consoli%20Andrea\">Di Consoli Andrea</a></span> </span> - <span class=\"views-field-title\"> <span class=\"field-content\"><a alt=\"La curva della notte\" title=\"La curva della notte\" href=\"../../../../../letteratura/di-consoli-andrea-la-curva-della-notte.html\">La curva della notte</a></span> </span> - <span class=\"views-field-name\"> <span class=\"field-content\"><a href=\"../../../../../autori/BarbaraGozzi\">BarbaraGozzi</a></span> </span></div>\n<div class=\"views-row views-row-16 views-row-even\"><span class=\"views-field-field-autore-value\"> <span class=\"field-content\"><a href=\"../../../../../archivio-articoli/Di%20Consoli%20Andrea\">Di Consoli Andrea</a></span> </span> - <span class=\"views-field-title\"> <span class=\"field-content\"><a alt=\"La navigazione del Po\" title=\"La navigazione del Po\" href=\"../../../../../letteratura/di-consoli-andrea-la-navigazione-del-po.html\">La navigazione del Po</a></span> </span> - <span class=\"views-field-name\"> <span class=\"field-content\"><a href=\"../../../../../autori/franchi\">franchi</a></span> </span></div>\n<div class=\"views-row views-row-17 views-row-odd\"><span class=\"views-field-field-autore-value\"> <span class=\"field-content\"><a href=\"../../../../../archivio-articoli/Di%20Consoli%20Andrea\">Di Consoli Andrea</a></span> </span> - <span class=\"views-field-title\"> <span class=\"field-content\"><a alt=\"Lago negro\" title=\"Lago negro\" href=\"../../../../../letteratura/di-consoli-andrea-lago-negro.html\">Lago negro</a></span> </span> - <span class=\"views-field-name\"> <span class=\"field-content\"><a href=\"../../../../../autori/franchi\">franchi</a></span> </span></div>\n<div class=\"views-row views-row-18 views-row-even\"><span class=\"views-field-field-autore-value\"> <span class=\"field-content\"><a href=\"../../../../../archivio-articoli/Di%20Consoli%20Andrea\">Di Consoli Andrea</a></span> </span> - <span class=\"views-field-title\"> <span class=\"field-content\"><a alt=\"Marisdea\" title=\"Marisdea\" href=\"../../../../../letteratura/di-consoli-andrea-marisdea.html\">Marisdea</a></span> </span> - <span class=\"views-field-name\"> <span class=\"field-content\"><a href=\"../../../../../autori/franchi\">franchi</a></span> </span></div>\n', created = 1487773807, expire = 1487860207, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:d5de12cf19b3979fea0da15f20bd888a' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:84979806a7dd07098ae50d272cdb8533' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p>Amices, segnalo il nuovo contributo di Barbara.</p>\n<p>A voi,<br />\ne da parte mia appuntamento a domani e \'notte.</p>\n<p>gf</p>\n', created = 1487773807, expire = 1487860207, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:84979806a7dd07098ae50d272cdb8533' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:a23f463487e03b532b73a5083e20a210' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p>Intanto bentornata, e grazie per aver proposto una scheda dedicata a un libro di un giovane letterato italiano, che si sta facendo onore come critico e come narratore.</p>\n', created = 1487773807, expire = 1487860207, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:a23f463487e03b532b73a5083e20a210' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:08c31918a6d55d9f292628fff07b77bb' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p>\"C?è, in sostanza, una trama principale che racconta di un padre fuggito dalla sua terra nativa per cercare fortuna in Svizzera ma poi tornato, assieme al figlio, perché<br />\n?Nessuna terra vuole questo corpo morto come quella terra esatta che ha sentito i piedi caldi delle corse [?]E quella terra sta lì ferma e aspetta, e riconosce tutti, e assegna un albero, un fiore, una croce?. (pag.12)\"</p>\n<p>> E l\'autore è nato in Svizzera.</p>\n', created = 1487773807, expire = 1487860207, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:08c31918a6d55d9f292628fff07b77bb' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:c80a5856dbdeeb7ce5660252b20f67d2' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p>\"?Il padre degli animali? si aggrappa alla pazienza. Alla voglia di scavare senza paura di sporcarsi. Alle incertezze che nutrono le curiosità. Al riconoscersi umani in un mondo mutevole e ostile. All?accettare il male, la morte, le malattie, le cattiverie, la solitudine e i silenzi. Al lasciare delle tracce. Tracce che riguardano tutti i padri un po?, e tutti i figli altrettanto.\"</p>\n<p>> Nobile.<br />\nArchivio con diversi asterischi, va tra i desiderata.</p>\n', created = 1487773807, expire = 1487860207, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:c80a5856dbdeeb7ce5660252b20f67d2' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:4303e84e0e063fdddeab92e5c1ee034d' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p>\"E? il sud di tutti, dell?umanità, per questo non ha nomi. Ed è un sud che sarebbe ora di riconoscere, capire e magari combattere in quelle venature purulente quanto dolorose, che si macchiano di rassegnazione, forse, ma che non mancano di curiosità verso.\"</p>\n<p>> In questo caso credo sia il meridione dell\'Italia e stop, e probabilmente la localizzazione è fondamentale proprio conoscendo anche superficialmente il background dell\'autore (nella bio accenni: vissuto in Lucania per 10 anni).<br />\nLa tua interpretazione è in ogni caso suggestiva. </p>\n<p>Salut!</p>\n', created = 1487773807, expire = 1487860207, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:4303e84e0e063fdddeab92e5c1ee034d' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:1ad4b3f88572d4fdbceae5bf0815deb3' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p>Grazie a voi per l\'ospitalità.<br />\nSecondo me questo è il tipico testo da discussione. Nel senso che molte frasi, figure, atmosfere si prestano all\'interpretazione del lettore, poi certo ci sarà uno (o più) significati stratificati che l\'autore ha cercato di trasmettere, c\'è (ci sono) però qui il lettore diventa un pò \'padrone\'nel senso che può \'far suo\' questo romanzo in molti modi, avvicinandosi più a questo o a quello.<br />\nE sono convinta di averlo capito fino a un certo punto. Ci ho provato ma davvero interpretare talune parti può dare adito a incertezze (da cui, le discussioni possono diventare costruttive anche per sviscerare i punti \'critici\' magari meno capiti).<br />\nNe esce, comunque, una visione molto dura del mondo, dove le crudeltà, l\'apatia, la morte e le persone sono (il più delle volte) elementi che portano dolore, sconforto, disperazione. Poi ci sono gli spiragli di luce(e secondo me il figlio ne è rappresentazione primaria, sempre curioso, in perenne riflessione, osservatore acuto al punto da fare sogni \'dotti\', ama in modo totalitario il padre ma tenta comunque di staccarsene, di trovare un proprio spazio - con Angela ma anche da solo, spesso solo) spirargli dunque deboli e incerti ma che, in fondo, reggono il peso di tutto il resto.</p>\n', created = 1487773807, expire = 1487860207, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:1ad4b3f88572d4fdbceae5bf0815deb3' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:0e55ab9af3f6b168e1e786460455a0b9' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p>Dimenticavo: è un libro che io farei leggere in quinta superiore ai futuri maturandi (si dice ancora così?).</p>\n', created = 1487773807, expire = 1487860207, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:0e55ab9af3f6b168e1e786460455a0b9' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:e4039d4c6fb6c71c6dae9d8833a84232' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p>(credo di sì:) )</p>\n', created = 1487773807, expire = 1487860207, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:e4039d4c6fb6c71c6dae9d8833a84232' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:1ca2c8ec5883f304d182df400d5c4f95' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p>\"i morti sono dentro di noi, tutti i nostri pensieri sono pensieri di persone che già sono morte. E i morti sono fiori, [?](pag.117).\"<br />\n&gt; questa riflessione è impressionante...</p>\n', created = 1487773807, expire = 1487860207, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:1ca2c8ec5883f304d182df400d5c4f95' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:6ce3c2f94959b0296c65a65c3c2cf836' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p>\"nessun padre è veramente padre se i padri si ergono sul mondo, se non sono smarriti, se non ammettono di essere timidi per troppa paura e aggressivi per troppa timidezza?\"<br />\n&gt; il mio non avrebbe mai ammesso cose del genere.....<br />\ndavvero ci sono molti spunti nelle citazioni. Ottimo lavoro.<br />\nBuono per la maturità? possibile.....magari qualche insegnante che passa di qui.</p>\n', created = 1487773807, expire = 1487860207, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:6ce3c2f94959b0296c65a65c3c2cf836' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:f650488edf051f6616060504805c07c2' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p>Si, decisamente un romanzo adatto per le scuole superiori (e oltre naturalmente). Penso che i ragazzi abbiano bisogno di stimoli più concreti alle volte, di leggere qualcosa che non risale (per loro) alla preistoria. I classici sono fondamentali, non fraintendetemi, però li anternerei con letture contemporanee che possono solleticare la loro curiosità e magari aprire il raggio d\'azione delle considerazioni (un incontro con Di Consoli in una scuola dove le quinte hanno analizzato \'il padre degli animali\', ad esempio, non potrebbe essere un modo \'alternativo\' di proporre le letture e gli autori? Rendendo tutto più intimo, umano e forse meno difficile di quanto loro, i ragazzi, pensano. Questo romanzo è complesso, l\'ho detto, però con le chiavi giuste, secondo me, diventa uno strumento di apertura, di conoscenza, di confronto e riflessione. E crescita.</p>\n', created = 1487773807, expire = 1487860207, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:f650488edf051f6616060504805c07c2' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:db6619b27fd74a41f52489f3652160fd' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p>a me sembra una bella idea questa dell\'alternanza, ormai i ragazzi si stufano con i soli classici e mi sembra anche giusto che vedano che non esiste solo Moccia o roba simile!</p>\n', created = 1487773807, expire = 1487860207, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:db6619b27fd74a41f52489f3652160fd' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:dee1d534ac8bd71ef035994b4b7782e0' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p>archivio adc+COPERTINA</p>\n', created = 1487773807, expire = 1487860207, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:dee1d534ac8bd71ef035994b4b7782e0' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:8ae28607d5f0c18b29cd54affe923c52' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p>[il padre degli animali] prima di commentare a dovere, condivido i passi che più mi sono piaciuti. E ti ringrazio ancora per quanto hai scritto anni fa. </p>\n<p>Su MATERA. p. 35</p>\n<p>\"Papà, dove stiamo andando?\" \"Stiamo andando nella città più vecchia del mondo. Nella città della pietra. Nell\'unica città del mondo che gli uomini hanno scavato con le mani. Andiamo nella città del bene migliore, nell\'unica città del mondo che dio non conosce\".&nbsp;</p>\n<p>Sui MORTI, e sull\'AMORE. p. 47</p>\n<p>\"Nessuno però deve storcere il muso quando c\'è l\'amore, quando c\'è la salute, quando c\'è appetito, perché sennò i morti spengono la testa con un respiro, spingono le persone lì dove si vede l\'ultimo precipizio. I morti chiedono ai vivi di vivere pienamente la maestà del giorno. I morti, certe volte, vorrebbero raddrizzare una testa che cade. I morti, poi, sono pieni di rimorsi, perché l\'amore muore, l\'amore è colpa: l\'amore, quando si muore, è un tormento infinito, eterno\".</p>\n<p>Sui PADRI, sui FIGLI, sulle MEMORIE. p.49. </p>\n<p>\"I padri non vorrebbero mai morire; e i figli non vorrebbero mai trovarsi da soli in questa valle. Tutto diventa memoria, e la notte dei padri è piena di memorie; ma nessuno custodisce queste memorie\". </p>\n<p>[continua...]</p>\n', created = 1487773807, expire = 1487860207, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:8ae28607d5f0c18b29cd54affe923c52' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:9b076bc48c678342187ca8eec37b8dc5' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p>[sempre sul PADRE&nbsp;DEGLI&nbsp;ANIMALI] Altri passi notevoli.</p>\n<p>Sulla&nbsp;SALVEZZA. E sul&nbsp;SILENZIO. p. 68</p>\n<p>\"Il figlio, invece, sente che c\'è un segreto in tutte le parole non dette. Non sa ancora, il figlio, che nelle parole non dette c\'è solo il silenzio, nient\'altro. La salvezza è farsi carico del mondo, di tutti i bisogni delle persone, perché il Messia è ovunque, il Messia tornerà un giorno, e pulirà la mente delle persone, farà chiarezza del dolore, farà un grande incendio del mondo\". </p>\n<p>Sul&nbsp;SENSO. p. 88</p>\n<p>\"Ogni uomo assapora veramente il compimento di essere uomo quando si sveglia prima degli altri e il giorno è tutto su di sé; quando apre lentamente la finestra del bagno e fuma aspettando l\'aurora;&nbsp;e quando sente nella testa l\'affollamento dei ricordi, ma come massa indistinta priva di particolari.&nbsp;Solo alla fine di un lunghissimo percorso - quando le cose sono chiare e perdute - si capisce il perché di tutti questi treni, l\'odio per la collina e il rancore per chi non ha saputo parlare quando veniva voglia di piangere. Solo alla fine si capisce tutto - ma poi è tardi. L\'uomo che è tornato sa che tutto il senso della sua vita è stato guardare fuori dalle grandi finestre dei treni, nella notte, quando non si vede niente\".</p>\n<p>*** Questa clausola è veramente fantastica. \"L\'uomo che è tornato sa che tutto il senso della sua vita è stato guardare fuori dalle grandi finestre dei treni, nella notte, quando non si vede niente\". Niente.</p>\n', created = 1487773807, expire = 1487860207, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:9b076bc48c678342187ca8eec37b8dc5' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:352a5894181359fd1fcfda7074c4a801' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p>[\"il padre degli animali\"] ancora.</p>\n<p>NESSUNO&nbsp;MUORE&nbsp;STANOTTE. p. 105.</p>\n<p>\"Nessuno muore stanotte, se stanotte le persone si stringono, se è così forte l\'amore del mondo. E c\'è un amico che sta morendo, stanotte. La sua stanza è piena di persone, ma l\'amico è già caduto nell\'oblio: una mano sudata, però, gli accarezza la testa e lo terrà in vita fino a domani. Ma non sussultano questi alberi verdi, che arrivano fino alle Calabrie, come sussulta l\'anima delle persone che hanno conosciuto la paura, il tormento di vivere, di non farcela, di non dormire la notte\".</p>\n<p>Sul PADRE, p. 127.</p>\n<p>\"Il padre ha le cicatrici sul ventre, le ossa rotte, la schiena curva, le mani chiuse come una conchiglia. E\' un padre della collina che ha cercato il bene migliore in Svizzera, ma è tornato per la madre, per difenderla dai pugni del padre, e adesso respira un\'aria di olio bruciato dalla mattina alla sera, e sputa a terra, si soffia il naso con le dita [...].&nbsp;Sente la rabbia del figlio\".</p>\n<p>sul FIGLIO, p. 128.</p>\n<p>\"E quando un figlio si erge superbo per la prima volta, allora non sembra vero: allora non ci si è mai sentiti così soli sulla faccia della terra. In quel momento le ferite fanno più male, le guance diventano deboli, i capelli si colorano, notte dopo notte, di bianco\".</p>\n<p>ADC</p>\n', created = 1487773807, expire = 1487860207, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:352a5894181359fd1fcfda7074c4a801' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:c4200d3cfc7ed46677773e354d19a6f4' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p>[di consoli, barbara] questo è invece il passo che ho preferito in questa tua lunga e bella e appassionata recensione:</p>\n<p>\"<font size=\"2\">‘Il padre degli animali’ si aggrappa alla pazienza. Alla voglia di scavare senza paura di sporcarsi. Alle incertezze che nutrono le curiosità. Al riconoscersi umani in un mondo mutevole e ostile. All’accettare il male, la morte, le malattie, le cattiverie, la solitudine e i silenzi. Al lasciare delle tracce. Tracce che riguardano tutti i padri un po’, e tutti i figli altrettanto.\" [bg]<br /></font></p>\n', created = 1487773807, expire = 1487860207, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:c4200d3cfc7ed46677773e354d19a6f4' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:8aa5f2765b55f15b43e2837f89d44bb4' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p>[\"il padre degli animali\"] ho cominciato a leggere i libri di Andrea Di Consoli diversi anni fa, forte delle tue parole e di quelle di diversi amici che mi avevano parlato molto bene della sua scrittura. Ho cominciato a leggere i suoi libri diversi anni fa, e con un ordine tutto mio - e nel frattempo ho conosciuto l\'autore, abbiamo scambiato tante idee, abbiamo parlato di cose della vita e della letteratura e dell\'editoria e di roma, e delle patrie e delle case e dei vuoti. Mi mancava solo questo libro - il primo romanzo, uscito dopo la prima raccolta di racconti e dopo tante poesie.</p>\n<p>Tre cose sintetiche, aggiungo. La prima è che Andrea scrive narrativa come un poeta prestato alla narrativa. Non credo che scriverà mai un romanzo convenzionale, credo che scriverà sempre come uno che ha in mente tanti versi in un tempo che di poesia non ha più niente, e poesia nemmeno sa riconoscere più. Andrea è quindi una benedizione vera. E insolita.</p>\n<p>La seconda è che l\'ossessione per le malattie e per la morte è uno degli assi portanti della sua scrittura, in versi e in prosa - in prosa soprattutto.&nbsp;Assieme al meridione e al meridionalismo, è l\'argomento principe.&nbsp;Sviscerata - non solo fronteggiata - e non ancora sconfitta, l\'angoscia per la malattia e per la morte è terrificante e schiacciante. Ma non è inquinante. Come dire: non è contagiosa. E\' un\'espressione personale, fortissima. Una cifra autoriale.</p>\n<p>La terza è che Andrea ha vissuto tante vite, diventando uomo prima del tempo - e questo si sente. La speranza da lettore, e neanche da amico, è che venga una fase di serenità così incredibile e totale che ADC possa finire per scrivere commedie e cose buffe per decenni. E\' un sogno che vorrei tanto si realizzasse. Già da oggi.</p>\n<p>Insomma, Barbara: come vedi ho i miei tempi, ho letto questo libro 4 anni dopo la tua scheda, e nel frattempo hai smesso di scrivere da queste parti. Sappi che niente è stato invano e ogni cosa ha dato frutto.&nbsp;Proprio come doveva essere. E grazie ancora. Magnifico lavoro.</p>\n<p>Franco</p>\n', created = 1487773807, expire = 1487860207, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:8aa5f2765b55f15b43e2837f89d44bb4' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:c3037a2239ca1c745392add7c2ab7cd8' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p>(Il padre degli animali). vero, Franco.</p>\n<p>Riporto qui, il mio commento sotto alla tua su la curva della notte. </p>\n<p>\"Ho trovato, ed ho letto per il momento \"Il padre degli animali\". E l\'urgenza vuole che io trovi anche questo.<br /> Spero per lui e per noi che continui a scrivere perché è Letteratura vera, autentica, rara. E lo scrivo anche per gli altri che passeranno a leggere e commentare. Un libro che non si dimentica.\" Lo penso ancora.</p>\n<p>&nbsp;</p>\n', created = 1487773807, expire = 1487860207, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:c3037a2239ca1c745392add7c2ab7cd8' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:7edf3ded4e22ff3ded59d0dfe031bb65' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p>[di consoli] Grande Movi. Sottoscrivo, a distanza di anni, il tuo commento sulla&nbsp;\"Curva della notte\". Speriamo esca presto qualcosa di nuovo a firma ADC, è ora, è ora... [ma a dirti la verità non ne ho avuto neanche un indizio. C\'è la solita amica speranza...]</p>\n', created = 1487773807, expire = 1487860207, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:7edf3ded4e22ff3ded59d0dfe031bb65' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '3:7a9bd4ca0c3ef223230ea98b8d9c4be6' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:aeb0d9e36acadff6de65e7d9dfefde57' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<div class=\"autopromo_verticale\"><img alt=\"\" height=\"373\" width=\"104\" src=\"/sites/default/files/pictures/autopromo_vert.gif\" /></div>\n', created = 1487773807, expire = 1487860207, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:aeb0d9e36acadff6de65e7d9dfefde57' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:c70ca3b11c7653d20a27fa81e9cb105c' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p style=\"text-align: justify;\"><span style=\"font-size: small;\">C’è un certo consenso di critica attorno a Daniele Timpano e alla sua “Storia cadaverica d’Italia”, trilogia di testi teatrali (“Dux in scatola”, “Risorgimento pop” e “Aldo morto”) in cui l’autore-attore romano mette in scena un tris di cadaveri-monumento (quelli di Mazzini, Mussolini e Moro) a simboleggiare la nostra identità nazionale nata morta.</span></p>\n', created = 1487773808, expire = 1487860208, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:c70ca3b11c7653d20a27fa81e9cb105c' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:0f84be7f620014cb132bc4fb2c11a402' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p style=\"text-align: justify;\">C’è stato un tempo in cui la letteratura era ambiziosa, contigua alla filosofia, metafisica almeno nelle domande che si poneva, anche se non nelle risposte che si dava. Figlia di Dostoevskij e di Nietzsche, s’interrogava sul male, sull’aldilà del Bene e del Male, sui limiti della sconfinata libertà dell’uomo. Dio era morto già, ma sepolto da poco, tanto la filosofia quanto la letteratura ancora ne elaboravano il lutto e perciò ancora gli dedicavano pagine di appassionata negazione, anziché l’indifferenza della secolarizzazione compiuta e definitiva. Era il tempo dei filosofi scrittori, come Sartre, o degli scrittori-filosofi, come Camus, e dei filosofi impliciti, seguaci di Nietzsche, come Gide.</p>\n', created = 1487773808, expire = 1487860208, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:0f84be7f620014cb132bc4fb2c11a402' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:d24f75840505583f3600f2bd20df4d85' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p style=\"text-align: justify;\"><span style=\"font-size: small;\">Qualche anno fa, nel quartiere Testaccio a Roma, il nuovo spazio “Macro Future” venne inaugurato con una collettiva, “Into me, out of me”, proveniente dal PS1 di New York: centoquaranta artisti tra i più rinomati nel panorama internazionale (da Marina Abramovic ad Andrès Serrano, da Valie Export a Chris Burden, dagli azionisti viennesi a Nan Goldin) chiamati a illustrare, con foto, installazioni e videoarte, il tema del corpo e della fisicità, attraverso temi come la sessualità e la riproduzione, l’aggressione e la violenza, i processi metabolici e organici. <br /></span></p>\n', created = 1487773808, expire = 1487860208, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:d24f75840505583f3600f2bd20df4d85' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:142523104ec8db0215a272c44cebea61' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p><span style=\"mso-bidi-font-family:Calibri;mso-bidi-theme-font:minor-latin\">I vampiri <i style=\"mso-bidi-font-style:normal\">indie rock </i>di Jim Jarmusch, ultima incarnazione dei suoi personaggi marginali e alienati, sono creature fieramente snob. Leggono Shakespeare, Beckett e D. F. Wallace, collezionano dischi in vinile e chitarre elettriche vintage, e possiedono una cultura raffinata che spazia dalla botanica all’astronomia. Amano circondarsi di multiforme bellezza, per questo odiano il ventunesimo secolo, Los Angeles e l’intera stirpe degli uomini, che devastano la terra e ne perseguitano le menti migliori.</span></p>\n', created = 1487773808, expire = 1487860208, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:142523104ec8db0215a272c44cebea61' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:1373d8b1fa131fda903a3f7d7b92f220' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p style=\"text-align: justify;\">La zia «Lali non aveva mai lavorato, distesa sull’amaca in giardino d’estate amava dire, Il tempo che ti abbonda tra le mani può divorarti. Ti abbonda del tempo tra le mani, zia?».</p>\n<p style=\"text-align: justify;\">Ti abbonda del tempo tra le mani, zia. Leggo e rileggo questa improbabile frase, così grassa, così farcita di superfluo e mi domando come ha potuto Ornela Vorpsi disimparare a scrivere. Ripenso al suo primo libro, \"Il paese dove non si muore mai\", che lei, albanese, aveva scritto in un italiano gustoso e con una prosa vispa e spontanea, ripenso alla sua capacità di giocare col macabro e di intrattenere col drammatico dei ricordi della sua infanzia comunista a Tirana, e mi chiedo cosa rimane di quella leggerezza in questo “Fuorimondo”.</p>\n', created = 1487773808, expire = 1487860208, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:1373d8b1fa131fda903a3f7d7b92f220' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:0e328c0d16660956a3c55572358931f3' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p>Cari soci attuali e futuri, collaboratori, collaboratrici, lettrici e lettori, l\'ultimo editoriale pubblicato su lankelot risale al febbraio 2014. Scrivevo che \"il passaggio da lankelot a lankenauta è slittato a data da destinarsi\". Poi il silenzio, proprio per evitare di ripetersi e così diventare stucchevoli. Non è il caso adesso di ripercorrere le tante vicissitudini di un progetto che, salvo qualche piccolo dettaglio da completare, è ormai giunto a destinazione. Questo vorrà dire che i prossimi editoriali, finalmente pubblicabili ogni trimestre, non appariranno più su lankelot.eu.</p>\n', created = 1487773808, expire = 1487860208, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:0e328c0d16660956a3c55572358931f3' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:4bb2cdf450742ca8dc28b0461f1b6927' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p align=\"justify\"><b>liquidàre</b> <br /><i>v. 1ª tr.</i> (Ind. pres. <i>lìquido</i>) calcolare, determinare una ragione di credito, un conto e sim. e provvedere al relativo pagamento; est.: <i>liquidare un impiegato</i>, corrispondergli, alla cessazione del rapporto di lavoro, ciò che gli spetta come buonuscita; <i>liquidare una merce</i>, venderla a prezzo di realizzo; svenderla&nbsp;&nbsp;&nbsp; <br />com. pagare&nbsp; <br />fig.: <i>liquidare un affare</i>, concluderlo; <i>liquidare una questione</i>, risolverla, deciderla; <i>liquidare qu.</i>, levarselo d’attorno o, anche, ucciderlo.</p>\n', created = 1487773808, expire = 1487860208, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:4bb2cdf450742ca8dc28b0461f1b6927' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:0e4e974edd736fca45384584a201a30c' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p>“Una volta in scena come capisce se lo spettacolo funziona, se interessa il pubblico?</p>\n', created = 1487773808, expire = 1487860208, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:0e4e974edd736fca45384584a201a30c' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:a755862d8e84aa6b01df96b93707bd48' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p>Parlare ancora di <a href=\"https://it.wikipedia.org/wiki/Pier_Paolo_Pasolini\">Pasolini</a> nel 2016 può essere molto rischioso. Prima di tutto perché ci si può imbattere nello spettro dell’agiografia, una trappola che inghiotte con disarmante facilità a causa della personalità così ingombrante di Pasolini, col suo piglio rivoluzionario oggi in via di beatificazione. Ma questo è un fenomeno che generalmente resta in superficie, tra le penne dei gazzettieri che delirano di settima arte. Un altro rischio è quello di non avere niente di nuovo da dire e – cosa ancor peggiore – essere incapaci di nasconderlo.</p>\n', created = 1487773808, expire = 1487860208, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:a755862d8e84aa6b01df96b93707bd48' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:a4bf67b75a71c87b3a71ece6018ada55' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p>Durante la lettura di <i>Gli ultimi ragazzi del secolo</i> ho provato interesse, rabbia, divertimento, curiosità, fastidio, disillusione, partecipazione, mi sono trovato a volte in accordo e altre in disaccordo, e non sono poi molti i libri capaci di farmi qualcosa del genere, al di là del piacere o meno che possa aver avuto leggendo. È un romanzo, autobiografico, che invita al confronto, se non proprio al conflitto, fin dalla copertina, con l\'immagine di un ragazzino che guarda fuori campo, chissà cosa, con aria di sfida. Ragazzino che, scopre chi è interessato alle immagini che sono sui/nei libri, è proprio l\'autore, Alessandro Bertante, che sembra cercare di replicare, da adulto, lo stesso sguardo all\'interno della quarta di copertina. Un\'altra fotografia mostra il ponte di Mostar.</p>\n', created = 1487773808, expire = 1487860208, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:a4bf67b75a71c87b3a71ece6018ada55' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '3:8254df3a9dff639c914fa4b704377f51' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '3:9b59f143cbeeada54af5b92b70b24158' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '3:b8283cedf3cdce3d78cc15aeb78b3f76' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '2:55ca8813d325f0d05719878041cc0899' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: UPDATE cache_filter SET data = '<p>Lankelot © 2000-2013 Gianfranco Franchi - Illustrazione header © <a href=\"http://www.maurizioceccato.it/\">Maurizio Ceccato</a> - Art direction <a href=\"http://www.fiammafranchi.com/\">Fiamma Franchi</a> - sviluppato da <a href=\"http://www.intellijam.it/\">Intellijam</a> su piattaforma Drupal nel 2009. Adattamento 3.1 a cura di <a href=\"http://algorithmica.it/\">Algorithmica</a>, 2011. Online dal 1 aprile 2003.</p>\n', created = 1487773808, expire = 1487860208, headers = '', serialized = 0 WHERE cid = '2:55ca8813d325f0d05719878041cc0899' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 109.
  • user warning: Table './lankelot/cache_filter' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_filter WHERE cid = '3:85024d06659faf313465fa09e3942527' in /var/www/vhosts/lankelot.eu/httpdocs/includes/cache.inc on line 26.

Di Consoli Andrea

Il padre degli animali

Autore: 
Di Consoli Andrea

‘Il padre degli animali’ non è un romanzo, non in senso stretto. Da Wikipedia: Il romanzo è un genere della narrativa in prosa, caratterizzato da un testo di una certa estensione.

Dunque.

‘Il padre degli animali’ non è una prosa lineare, tutt’al più una serie di piani dove talune volte la prosa si mescola alla poesia. Inoltre non è un testo solo, bensì ci sono quanto meno due livelli che salgono e scendono in questa giostra che è il tessuto narrativo imbastito con arte, pazienza e sapienza da Di Consoli.
Il primo livello, lo si potrebbe definire, è la storia del Padre e del Figlio, una storia che accompagna il lettore nel corso delle pagine, anzi, è il lettore stesso che si aggrappa alle loro vicende per non annegare, per non rischiare di perdere l’orientamento.

Ma c’è quanto meno un altro livello, lo si potrebbe definire secondo non per importanza bensì per presenza. Appare dopo, questo livello, quando il Padre e il Figlio si sono già presentati. Appare quindi qualcos’altro, che parla di loro due ma anche di altri, di altro. Poi scompare, come un programma in stand by lasciando di nuovo spazio agli accadimenti che ruotano attorno ai personaggi in carne e ossa (perché di personaggi ce ne sono tanti in questo ‘romanzo’ e non sempre con muscoli e cervello, come ‘la collina odora’ o ‘il gesto di’, ‘le mosche’ e i sogni che fa il figlio).      
C’è, in sostanza, una trama principale che racconta di un padre fuggito dalla sua terra nativa per cercare fortuna in Svizzera ma poi tornato, assieme al figlio, perché

‘Nessuna terra vuole questo corpo morto come quella terra esatta che ha sentito i piedi caldi delle corse […]E quella terra sta lì ferma e aspetta, e riconosce tutti, e assegna un albero, un fiore, una croce’. (pag.12)

Il padre vorrebbe crescere il figlio in quei luoghi che lo hanno visto, a suo tempo, bambino. Si propone al sindaco per un posto da bidello (che non salterà mai fuori), finisce in un cantiere poi su un furgone che vende frutta fresca al dettaglio poi. Ne prova tante, insomma, di soluzioni questo padre che non si arrende pur svelandosi, a tratti, rassegnato. Di Consoli tratteggia una figura tormentata, crudele quanto fragile, forte ma che fatica ad avere certezze, combatte poi indietreggia, vorrebbe ma non arriva. Il padre è un uomo capace di ferire il gatto per dargli una lezione poi però sta male a chiedere un posto di lavoro al sindaco (‘Il padre ringrazia, epperò esce come avesse rubato a faccia nuda. Prima di accendere l’Opel, ha voglia di piangere, e infatti gli s’inumidiscono incontrollatamente gli occhi. (pag.30). In effetti l’essenza di questa figura viene chiaramente espressa dallo stesso Di Consoli a pag.119: ‘[…] nessun padre è veramente padre se i padri si ergono sul mondo, se non sono smarriti, se non ammettono di essere timidi per troppa paura e aggressivi per troppa timidezza’. L’obbiettivo principale del Padre, quindi, è trasmettere al figlio le conoscenze, insegnargli a stare nel ‘mondo rotondo’, a gestire le situazioni e a rialzarsi dalle cadute. ‘Impara a crescere senza guardare le persone che ti circondano. Ama i luoghi nonostante le persone. (pag.23) in una continua ricerca del ‘bene migliore’ come fosse un’ancora, la regola più importante che tiene lontano il male, impedisce agli uomini di perdersi per sempre perché ‘ Il bene migliore è fare il bene su questa terra anche quando senti che le forze ti abbandonano’ (pag.108). Sono dunque insegnamenti duri, spesso espressi come ordini che il figlio ascolta ma.
Perché anche il figlio è una figura dai lineamenti contradditori, marcati ma ancora confusi.

Ci sono alcuni aspetti, di questo figlio, che fanno riflettere. E’curioso, il figlio, domanda spesso al padre (ogni volta che può) e si intestardisce se le risposte non lo soddisfano o sono frettolose (salvo poi scusarsi quanto sente il padre irritato). ‘Il figlio vorrebbe capire tante cose’ (pag.54), è quindi sensibile (forse troppo, secondo il padre, che spesso lo ammonisce tentando di interrompere certi pensieri ‘perché è troppo piccolo per’). Ma ha anche paura, il figlio, soprattutto di morire. E queste sue paure lo porteranno a ragionare da solo (nei sogni), a fissarsi su simil-veri puntini rossi sulla pelle, a temere le malattie altrui e ad avere un presentimento sul padre stesso.     
In effetti in questo ‘romanzo’ si parla spesso della morte, in ogni sua eccezione.

‘ I padri non vorrebbero mai morire; e i figli non vorrebbero mai trovarsi da soli in questa valle.’ (pag.49) esordisce Di Consoli, ma va oltre, si addentra nei meandri delle dinamiche, prova a spiegare cos’è questa paura (del figlio ma poi di tutti) e lo fa all’improvviso, alternando i livelli, colpendo il lettore più forte che può. ‘ Cadono così, le persone. All’improvviso, una malattia, sentono una fitta, un capogiro, un colpo di tosse con un grumo di sangue. Ci lasciano così, le persone, lentamente, e nessuno è preparato’. (pag.84) Fino a smorzare i toni, a trovare un senso a tutto questo dolore, alla paura sorda per l’incognita, l’imprevedibile quanto inevitabile scomparsa che in questo ‘romanzo’ accompagna alcuni personaggi come un alone oscuro: ‘ i morti sono dentro di noi, tutti i nostri pensieri sono pensieri di persone che già sono morte. E i morti sono fiori, […](pag.117).

Di Consoli ha la capacità di incrociare i livelli, questi piani che si alternano si impongono sul lettore, dettano il ritmo, ed è un ritmo pacato (non lento, non veloce). Perché al lettore deve mancare l’ossigeno se non.       
Se non coglie i simboli.      
E’questa la vera sfida, secondo me.

‘Il padre degli animali’ non è la storia di un padre e di suo figlio. Non è Angela e le sue crisi che gli adulti non capiscono. Non è Zio Cotura e i suoi tumori ai fianchi. Non è il barbiere assessore che promette. Non è.      
I gesti, i dialoghi, le descrizioni. Penso che dietro agli elementi ci sia una sorta di codice, di simbolisno, di significato che va oltre il corpo o l’azione. E non è facile.
Non è facile perché ci sono libri fatti per essere ascoltati. Che richiedono un certo tipo di impegno e apertura mentale. Non per questo un libro del genere deve essere sconsigliato. Anzi. A maggior ragione diventa una sfida, un modo per lasciarsi alle spalle la smania della trama, l’overdose di sangue, inseguimenti, misteri, indagini, baci rubati, sesso ostentato, forzatamente estremo, sbattuto ovunque. Anzi.     
‘Il padre degli animali’ si aggrappa alla pazienza. Alla voglia di scavare senza paura di sporcarsi. Alle incertezze che nutrono le curiosità. Al riconoscersi umani in un mondo mutevole e ostile. All’accettare il male, la morte, le malattie, le cattiverie, la solitudine e i silenzi. Al lasciare delle tracce. Tracce che riguardano tutti i padri un po’, e tutti i figli altrettanto.

‘La vita dei vivi è solo una giornata di sole nella grande eternità solare degli uomini’(pag.40) .

‘La grande vena che porta la luce e il sangue nel mondo rotondo è occlusa dal genere umano che non capisce neanche più una ragione per sorridere all’opera che si compie […]; è una vena che ogni giorno si occlude un poco, si arrugginisce, si riempie di catrame – per questo motivo, ogni mattina, il mondo è un poco più esangue.’ (pag.186)

Sono queste le tracce che più mi hanno colpito. Che parlano della vita con sofferenza, crudeltà. Che descrivono questo nostro mondo per quello che è, senza vezzi o brillantini. Che puntano ad aprire gli occhi anche dei più assonnati.

Manca la figura femminile. La madre. E di questo mi piacerebbe poter discutere con Di Consoli (chissà un giorno magari). Di lei, della madre, brevi accenni fugaci, che si perdono facilmente. Il più evidente viene proprio dal figlio che pur non cercandola mai materialmente la pensa ‘ e vorrebbe che la madre – la madre bambina, ferma con un sorriso incerto nella luce grigia del 1971- abitasse interamente un abito esatto di parole’ (pag.54). Questo abito esatto di parole che non c’è, manca e forse non è mai esistito è davvero un buco grande, un fardello che il figlio colma con l’amore verso il padre, la devozione, le paure e l’obbedienza. Eppure c’è.

Il padre e il figlio non hanno nomi. Né cognomi. E la valle è solo la valle con alcuni accenni al sud d’Italia ma senza precisi riferimenti geografici. E’ il sud di tutti, dell’umanità, per questo non ha nomi. Ed è un sud che sarebbe ora di riconoscere, capire e magari combattere in quelle venature purulente quanto dolorose, che si macchiano di rassegnazione, forse, ma che non mancano di curiosità verso.

EDIZIONE ESAMINATA E BREVI NOTE

Di Consoli Andrea ( Zurigo, 1976) scrittore.  Per nove anni ha abitato in Lucania e dal 1996 vive a Roma. Scrive su 'l'Unità', 'il Messaggero' e 'Nuovi argomenti'. Dal 2001 collabora con 'Taccuini italiano', programma radiofonico di Rai International. Ha pubblicato saggi, la raccolta poetica 'Discoteca' (2003) e il libro di racconti 'Lago negro' (2006). Dal 2004 dirige la casa editrice Avagliano.

APPROFONDIMENTI IN RETE

Altre recensioni: Lucanianet, Stefano Donno Blog , Nunzio Festa su Books and other sorrows.
Di Consoli cura una rubrica all'interno dell'open blog di Massimo Maugeri, Letteratitudine(la stanza dello scirocco)

ISBN/EAN: 
8817015148

Commenti

Amices, segnalo il nuovo contributo di Barbara.

A voi,
e da parte mia appuntamento a domani e 'notte.

gf

Intanto bentornata, e grazie per aver proposto una scheda dedicata a un libro di un giovane letterato italiano, che si sta facendo onore come critico e come narratore.

"C?è, in sostanza, una trama principale che racconta di un padre fuggito dalla sua terra nativa per cercare fortuna in Svizzera ma poi tornato, assieme al figlio, perché
?Nessuna terra vuole questo corpo morto come quella terra esatta che ha sentito i piedi caldi delle corse [?]E quella terra sta lì ferma e aspetta, e riconosce tutti, e assegna un albero, un fiore, una croce?. (pag.12)"

> E l'autore è nato in Svizzera.

"?Il padre degli animali? si aggrappa alla pazienza. Alla voglia di scavare senza paura di sporcarsi. Alle incertezze che nutrono le curiosità. Al riconoscersi umani in un mondo mutevole e ostile. All?accettare il male, la morte, le malattie, le cattiverie, la solitudine e i silenzi. Al lasciare delle tracce. Tracce che riguardano tutti i padri un po?, e tutti i figli altrettanto."

> Nobile.
Archivio con diversi asterischi, va tra i desiderata.

"E? il sud di tutti, dell?umanità, per questo non ha nomi. Ed è un sud che sarebbe ora di riconoscere, capire e magari combattere in quelle venature purulente quanto dolorose, che si macchiano di rassegnazione, forse, ma che non mancano di curiosità verso."

> In questo caso credo sia il meridione dell'Italia e stop, e probabilmente la localizzazione è fondamentale proprio conoscendo anche superficialmente il background dell'autore (nella bio accenni: vissuto in Lucania per 10 anni).
La tua interpretazione è in ogni caso suggestiva.

Salut!

Grazie a voi per l'ospitalità.
Secondo me questo è il tipico testo da discussione. Nel senso che molte frasi, figure, atmosfere si prestano all'interpretazione del lettore, poi certo ci sarà uno (o più) significati stratificati che l'autore ha cercato di trasmettere, c'è (ci sono) però qui il lettore diventa un pò 'padrone'nel senso che può 'far suo' questo romanzo in molti modi, avvicinandosi più a questo o a quello.
E sono convinta di averlo capito fino a un certo punto. Ci ho provato ma davvero interpretare talune parti può dare adito a incertezze (da cui, le discussioni possono diventare costruttive anche per sviscerare i punti 'critici' magari meno capiti).
Ne esce, comunque, una visione molto dura del mondo, dove le crudeltà, l'apatia, la morte e le persone sono (il più delle volte) elementi che portano dolore, sconforto, disperazione. Poi ci sono gli spiragli di luce(e secondo me il figlio ne è rappresentazione primaria, sempre curioso, in perenne riflessione, osservatore acuto al punto da fare sogni 'dotti', ama in modo totalitario il padre ma tenta comunque di staccarsene, di trovare un proprio spazio - con Angela ma anche da solo, spesso solo) spirargli dunque deboli e incerti ma che, in fondo, reggono il peso di tutto il resto.

Dimenticavo: è un libro che io farei leggere in quinta superiore ai futuri maturandi (si dice ancora così?).

(credo di sì:) )

"i morti sono dentro di noi, tutti i nostri pensieri sono pensieri di persone che già sono morte. E i morti sono fiori, [?](pag.117)."
> questa riflessione è impressionante...

"nessun padre è veramente padre se i padri si ergono sul mondo, se non sono smarriti, se non ammettono di essere timidi per troppa paura e aggressivi per troppa timidezza?"
> il mio non avrebbe mai ammesso cose del genere.....
davvero ci sono molti spunti nelle citazioni. Ottimo lavoro.
Buono per la maturità? possibile.....magari qualche insegnante che passa di qui.

Si, decisamente un romanzo adatto per le scuole superiori (e oltre naturalmente). Penso che i ragazzi abbiano bisogno di stimoli più concreti alle volte, di leggere qualcosa che non risale (per loro) alla preistoria. I classici sono fondamentali, non fraintendetemi, però li anternerei con letture contemporanee che possono solleticare la loro curiosità e magari aprire il raggio d'azione delle considerazioni (un incontro con Di Consoli in una scuola dove le quinte hanno analizzato 'il padre degli animali', ad esempio, non potrebbe essere un modo 'alternativo' di proporre le letture e gli autori? Rendendo tutto più intimo, umano e forse meno difficile di quanto loro, i ragazzi, pensano. Questo romanzo è complesso, l'ho detto, però con le chiavi giuste, secondo me, diventa uno strumento di apertura, di conoscenza, di confronto e riflessione. E crescita.

a me sembra una bella idea questa dell'alternanza, ormai i ragazzi si stufano con i soli classici e mi sembra anche giusto che vedano che non esiste solo Moccia o roba simile!

archivio adc+COPERTINA

archivio adc+COPERTINA

[il padre degli animali]

[il padre degli animali] prima di commentare a dovere, condivido i passi che più mi sono piaciuti. E ti ringrazio ancora per quanto hai scritto anni fa.

Su MATERA. p. 35

"Papà, dove stiamo andando?" "Stiamo andando nella città più vecchia del mondo. Nella città della pietra. Nell'unica città del mondo che gli uomini hanno scavato con le mani. Andiamo nella città del bene migliore, nell'unica città del mondo che dio non conosce". 

Sui MORTI, e sull'AMORE. p. 47

"Nessuno però deve storcere il muso quando c'è l'amore, quando c'è la salute, quando c'è appetito, perché sennò i morti spengono la testa con un respiro, spingono le persone lì dove si vede l'ultimo precipizio. I morti chiedono ai vivi di vivere pienamente la maestà del giorno. I morti, certe volte, vorrebbero raddrizzare una testa che cade. I morti, poi, sono pieni di rimorsi, perché l'amore muore, l'amore è colpa: l'amore, quando si muore, è un tormento infinito, eterno".

Sui PADRI, sui FIGLI, sulle MEMORIE. p.49.

"I padri non vorrebbero mai morire; e i figli non vorrebbero mai trovarsi da soli in questa valle. Tutto diventa memoria, e la notte dei padri è piena di memorie; ma nessuno custodisce queste memorie".

[continua...]

[sempre sul

[sempre sul PADRE DEGLI ANIMALI] Altri passi notevoli.

Sulla SALVEZZA. E sul SILENZIO. p. 68

"Il figlio, invece, sente che c'è un segreto in tutte le parole non dette. Non sa ancora, il figlio, che nelle parole non dette c'è solo il silenzio, nient'altro. La salvezza è farsi carico del mondo, di tutti i bisogni delle persone, perché il Messia è ovunque, il Messia tornerà un giorno, e pulirà la mente delle persone, farà chiarezza del dolore, farà un grande incendio del mondo".

Sul SENSO. p. 88

"Ogni uomo assapora veramente il compimento di essere uomo quando si sveglia prima degli altri e il giorno è tutto su di sé; quando apre lentamente la finestra del bagno e fuma aspettando l'aurora; e quando sente nella testa l'affollamento dei ricordi, ma come massa indistinta priva di particolari. Solo alla fine di un lunghissimo percorso - quando le cose sono chiare e perdute - si capisce il perché di tutti questi treni, l'odio per la collina e il rancore per chi non ha saputo parlare quando veniva voglia di piangere. Solo alla fine si capisce tutto - ma poi è tardi. L'uomo che è tornato sa che tutto il senso della sua vita è stato guardare fuori dalle grandi finestre dei treni, nella notte, quando non si vede niente".

*** Questa clausola è veramente fantastica. "L'uomo che è tornato sa che tutto il senso della sua vita è stato guardare fuori dalle grandi finestre dei treni, nella notte, quando non si vede niente". Niente.

["il padre degli animali"]

["il padre degli animali"] ancora.

NESSUNO MUORE STANOTTE. p. 105.

"Nessuno muore stanotte, se stanotte le persone si stringono, se è così forte l'amore del mondo. E c'è un amico che sta morendo, stanotte. La sua stanza è piena di persone, ma l'amico è già caduto nell'oblio: una mano sudata, però, gli accarezza la testa e lo terrà in vita fino a domani. Ma non sussultano questi alberi verdi, che arrivano fino alle Calabrie, come sussulta l'anima delle persone che hanno conosciuto la paura, il tormento di vivere, di non farcela, di non dormire la notte".

Sul PADRE, p. 127.

"Il padre ha le cicatrici sul ventre, le ossa rotte, la schiena curva, le mani chiuse come una conchiglia. E' un padre della collina che ha cercato il bene migliore in Svizzera, ma è tornato per la madre, per difenderla dai pugni del padre, e adesso respira un'aria di olio bruciato dalla mattina alla sera, e sputa a terra, si soffia il naso con le dita [...]. Sente la rabbia del figlio".

sul FIGLIO, p. 128.

"E quando un figlio si erge superbo per la prima volta, allora non sembra vero: allora non ci si è mai sentiti così soli sulla faccia della terra. In quel momento le ferite fanno più male, le guance diventano deboli, i capelli si colorano, notte dopo notte, di bianco".

ADC

[di consoli, barbara] questo

[di consoli, barbara] questo è invece il passo che ho preferito in questa tua lunga e bella e appassionata recensione:

"‘Il padre degli animali’ si aggrappa alla pazienza. Alla voglia di scavare senza paura di sporcarsi. Alle incertezze che nutrono le curiosità. Al riconoscersi umani in un mondo mutevole e ostile. All’accettare il male, la morte, le malattie, le cattiverie, la solitudine e i silenzi. Al lasciare delle tracce. Tracce che riguardano tutti i padri un po’, e tutti i figli altrettanto." [bg]

["il padre degli animali"] ho

["il padre degli animali"] ho cominciato a leggere i libri di Andrea Di Consoli diversi anni fa, forte delle tue parole e di quelle di diversi amici che mi avevano parlato molto bene della sua scrittura. Ho cominciato a leggere i suoi libri diversi anni fa, e con un ordine tutto mio - e nel frattempo ho conosciuto l'autore, abbiamo scambiato tante idee, abbiamo parlato di cose della vita e della letteratura e dell'editoria e di roma, e delle patrie e delle case e dei vuoti. Mi mancava solo questo libro - il primo romanzo, uscito dopo la prima raccolta di racconti e dopo tante poesie.

Tre cose sintetiche, aggiungo. La prima è che Andrea scrive narrativa come un poeta prestato alla narrativa. Non credo che scriverà mai un romanzo convenzionale, credo che scriverà sempre come uno che ha in mente tanti versi in un tempo che di poesia non ha più niente, e poesia nemmeno sa riconoscere più. Andrea è quindi una benedizione vera. E insolita.

La seconda è che l'ossessione per le malattie e per la morte è uno degli assi portanti della sua scrittura, in versi e in prosa - in prosa soprattutto. Assieme al meridione e al meridionalismo, è l'argomento principe. Sviscerata - non solo fronteggiata - e non ancora sconfitta, l'angoscia per la malattia e per la morte è terrificante e schiacciante. Ma non è inquinante. Come dire: non è contagiosa. E' un'espressione personale, fortissima. Una cifra autoriale.

La terza è che Andrea ha vissuto tante vite, diventando uomo prima del tempo - e questo si sente. La speranza da lettore, e neanche da amico, è che venga una fase di serenità così incredibile e totale che ADC possa finire per scrivere commedie e cose buffe per decenni. E' un sogno che vorrei tanto si realizzasse. Già da oggi.

Insomma, Barbara: come vedi ho i miei tempi, ho letto questo libro 4 anni dopo la tua scheda, e nel frattempo hai smesso di scrivere da queste parti. Sappi che niente è stato invano e ogni cosa ha dato frutto. Proprio come doveva essere. E grazie ancora. Magnifico lavoro.

Franco

(Il padre degli animali).

(Il padre degli animali). vero, Franco.

Riporto qui, il mio commento sotto alla tua su la curva della notte.

"Ho trovato, ed ho letto per il momento "Il padre degli animali". E l'urgenza vuole che io trovi anche questo.
Spero per lui e per noi che continui a scrivere perché è Letteratura vera, autentica, rara. E lo scrivo anche per gli altri che passeranno a leggere e commentare. Un libro che non si dimentica." Lo penso ancora.

 

[di consoli] Grande Movi.

[di consoli] Grande Movi. Sottoscrivo, a distanza di anni, il tuo commento sulla "Curva della notte". Speriamo esca presto qualcosa di nuovo a firma ADC, è ora, è ora... [ma a dirti la verità non ne ho avuto neanche un indizio. C'è la solita amica speranza...]