Jarmusch Jim

Only lovers left alive - Solo gli amanti sopravvivono

Autore: 
Jarmusch Jim

I vampiri indie rock di Jim Jarmusch, ultima incarnazione dei suoi personaggi marginali e alienati, sono creature fieramente snob. Leggono Shakespeare, Beckett e D. F. Wallace, collezionano dischi in vinile e chitarre elettriche vintage, e possiedono una cultura raffinata che spazia dalla botanica all’astronomia. Amano circondarsi di multiforme bellezza, per questo odiano il ventunesimo secolo, Los Angeles e l’intera stirpe degli uomini, che devastano la terra e ne perseguitano le menti migliori. E per evitare che il sangue umano corrotto li contamini, comprano sacche di sangue pulito da medici compiacenti, assaporandolo nei bicchieri da liquore o in forma di rinfrescanti ghiaccioli.

Adam (Tom Hiddleston) è un musicista underground. Vive nella Detroit che fu un tempo il regno della Packard e della Motown e che ora mostra solo i lacerti di una fatiscente grandezza. Vive appartato e al riparo da contatti con gli zombie – gli esseri umani – e, in preda alla depressione per un mondo che non accetta, medita di spararsi un bossolo di legno nel cuore. Salvato da sua moglie Eve (Tilda Swinton), Adam recupera una vita di nitida oscurità; fino a quando dalla detestata Los Angeles non arriva Ava (Mia Wasikowska), l’incontrollabile sorella di Eve, a dissestare di nuovo la normalità ritrovata.


Only lovers left alive minimizza il plot ad un percorso unilineare e stringato, optando piuttosto per la rappresentazione affascinata di una diversa, auspicabile umanità, quella dei sopravviventi (gli amanti del titolo), più avidi di bellezza che di sangue; e lascia che lo schermo si riempia dell’incorporeo splendore della Swinton e del sofferto dandysmo di Hiddleston. Il tutto accompagnato dalle scie elettriche di una chitarra che per fraseggio e psichedelia ricorda quella di Neil Young in Dead Man, ma nel film c’è anche il folk, i Black Rebel Motorcycle Club con "Red Eyes and Tears", gli Y.A.S., i Kasbah Rockers, e una bella e sconosciuta cantante di Tangeri («È meravigliosa, avrà successo», dice Eve ad Adam, dopo averla ascoltata. «Non credo, è troppo brava», risponde lui).

Con malinconica flemma e sprazzi di lapidaria ironia, Jarmusch mette in scena il vampirismo come controcultura proprio mentre infuria nel mainstream letterario e cinematografico, e si diverte a operare più di un ribaltamento concettuale: i veri vivi sono i non-morti, che si circondano di quanto di meglio la vita possa offrire, amore e bellezza, gentilezza e amicizia; zombie sono invece gli esseri umani, avidi e rapinosi, da cui i vampiri devono tenersi a distanza per non venirne infettati. Romanticismo decadente, ma senza eccessi autolesionistici, fascino della sottrazione e della sobrietà messi in scena, chi l’avrebbe mai detto, attraverso l’estetica rock. Jarmusch presta ai suoi vampiri indie un understatement che viene dal loro naturale preferire l’ombra alla luce, tanto quella naturale quanto quella artificiale dei riflettori; perciò Adam che nel corso della sua secolare esistenza ha conosciuto Schubert e gli ha regalato un suo Adagio, pregandolo di non rivelarne il vero autore, ora compone il suo rock underground lontano dalle case discografiche e coltiva gelosamente la sua arte come un fatto esclusivamente privato. In tempi di autoproduzione frenetica e self-publishing, quasi un invito, deliziosamente perverso, al no-publishing at all.

REGIA: Jim Jarmusch

SCENEGGIATURA: Jim Jarmusch

INTERPRETI PRINCIPALI: Tom Hiddleston, Tilda Swinton, Mia Wasikowska, John Hurt, Anton Yelchin, Slimane Dazi, Wayne Brinston

FOTOGRAFIA: Yorick Le Saux

MONTAGGIO: Alfonso Gonçalves

MUSICA: Jozef van Wissem

SCENOGRAFIA Marco Bittner Rosser

COSTUMI Bina Daigeler

PRODUZIONE: Recorded Picture Company, Pandora Film Produktion

DISTRIBUZIONE: Movies Inspired

PAESE: USA

DURATA: 123’

 

APPROFONDIMENTO IN LANKELOT

http://www.lankelot.eu/cinema/jarmusch-jim-dead-man.html

http://www.lankelot.eu/cinema/jarmusch-jim-broken-flowers.html

http://www.lankelot.eu/cinema/jarmusch-coffee-cigarettes.html

Elettra Sammarco, maggio 2014


http://www.mymovies.it/film/2013/onlyloversleftalive/pubblico/?id=695675
 

 

ISBN/EAN: 
000

Commenti

[Jarmusch - Only lovers left

[Jarmusch - Only lovers left alive] Da vedere, mi sembra di capire...

(jarmusch) questi vampiri

(jarmusch) questi vampiri sembrano, in qualche modo, parenti di quelli di "Intervista col vampiro" - per la loro modernità, per il ribellismo. Non mi aspettavo una virata gotica - così gotica - da Jarmusch. Pagina bella, come sempre.

[Jarmush-Franz] Certo Jarmush

[Jarmush-Franz] Certo Jarmush è imprevedibile, non lo ritrovi mai dove lo hai lasciato, salvo per la sua predilezione per gli outsider (ma ogni volta li ricontestualizza in luoghi e tempi impensati...)!

[Jarmush-A.B.] Di corsa.

[Jarmush-A.B.] Di corsa.

[Jarmush-Jack White] Ah! E

[Jarmush-Jack White] Ah! E nel film c'è pure un omaggio a Jack White, che è di Detroit pure lui...

(Jarmusch) Fidati di Elettra

(Jarmusch) Fidati di Elettra Gianfranco, dagli un'occhiata. Merita. 

[jarmusch] annoto subito tra

[jarmusch] annoto subito tra i desiderata. appena esce in dvd, ordino...

(Jarmusch-vampiri) Il film mi

(Jarmusch-vampiri) Il film mi incuriosisce molto, nonostante abbbia letto critiche contrastanti (anche molto negative) in merito. Quando scrivi "i veri vivi sono i non morti", concettualmente mi ricorda "La sposa cadavere" di Tim Burton. Ad ogni modo, mi sembra che la tua valutazione del film, Elettra, sia positiva. E il pezzo è davvero ben scritto, come i tuoi precedenti, del resto.

[Jarmush-critiche] Sì,

[Jarmush-critiche] Sì, anch'io avevo letto critiche negative, ma dopo aver visto il film posso dirti che è una delle cose più interessanti viste ultimamente, almeno per me.

Grazie comunque, Federico. E tu cosa vedrai prossimamente? Qualcosa di Cannes? Personalmente mi incuriosiscono Cronemberg, Zvyagintsev, Almaric, Dolan e pure Asia Argento...

(Jarmusch) Credo che andrò a

(Jarmusch) Credo che andrò a vederlo, anche grazie al tuo pezzo. Di quelli che hai citato sicuramente vedrò Cronenberg e mi incuriosisce Dolan, se lo daranno in Italia. Di Zvyagintsev ho visto solo Il ritorno, e mi piacque.

Opzioni visualizzazione commenti

Seleziona il tuo modo preferito per visualizzare i commenti e premi "Salva impostazioni" per attivare i cambiamenti.