Scheda LETTERATURA
Alberti Vittorio V.
Non è affatto un caso se sulla copertina del libro di Vittorio V. Alberti, “Il papa gesuita”, troviamo “L’incredulità di S. Tommaso” di Caravaggio e neanche una foto di Jorge Bergoglio Papa Francesco. Lo spiega l’autore in premessa: “La spiritualità e formazione gesuitica è, infatti, anti-idolatrica in radice. Si contrappone nettamente a ogni culto della personalità e, quindi, a ogni prospettiva individualistica” (pp.1). Se solo consideriamo il...
Scheda LETTERATURA
Arlt Roberto
La lettura di “L’amore stregone” di Roberto Arlt, edito per Intermezzi, ci aveva fatto scoprire un autore evidentemente sottovalutato dall’industria editoriale italiana ma che mostrava una grande capacità nel maneggiare temi a dir poco eccentrici; almeno in riferimento ai suoi tempi, gli anni ’30 e ’40 del secolo scorso. Adesso è la volta di “Un viaggio terribile”, racconto lungo o romanzo breve che dir si voglia, per i tipi di Arcoiris, nuova...
Scheda LETTERATURA
Dezio Francesco
All'inizio (si fa per dire) è stato No future, negli anni '70 inglesi. Spostandoci in Italia e cambiando decennio, immergendoci nel nostro grande Festival troviamo Raf che si chiede Cosa resterà (degli anni '80) (parodiato da Stefano Nosei con la sua Cosa resterà di questa Audi 80), mentre sul finire del millennio gli Afterhours nell'album Non è per sempre, con il loro solito piglio definitivo, infilano un Non si esce vivi dagli anni '80.
Scheda LETTERATURA
Lachaud Denis
Il titolo italiano del libro di Denis Lachaud, "Frédéric smarrito tra i suoni", ha poco a che fare con il titolo originale, "J'apprends l'hébreu": "Imparo l'ebraico", che avrebbe potuto avvicinarsi senza sforzo ad un precedente romanzo del bravo scrittore francese, "Imparo il tedesco", probabilmente seguendo una logica precisa voluta dell'autore. È pur vero che "Frédéric smarrito tra i suoni" è un titolo più originale, ma rimane comunque la...
Scheda LETTERATURA
Penn Warren Robert
 “Stammi a sentire, un uomo non combinerà mai niente se si preoccupa della propria dignità”. La frase è di Willie Talos, governatore nel sud degli Stati Uniti, e dice molto del suo modo di vedere le cose.
Scheda LETTERATURA
Ferrarese Lapo
Sono undici i racconti che compongono la nuova opera di Lapo Ferrarese “Vecchi amici”: un libro breve per altrettanto brevi incursioni nell’incubo e nell’insolito, che per lo più non lasciano spazio ad un vero e proprio epilogo. Siamo dalle parti del cosiddetto finale aperto, molto in voga nei romanzi “di genere”: quelli che vengono definiti “squarci improvvisi su mondi ignoti” non si chiudono quindi in maniera compiuta e lasciano il lettore in...
Scheda LETTERATURA
Capecelatro Giuliano
Nell’introduzione al suo libro Giuliano Capecelatro scrive che “saltabeccare di targa in targa, porgere un occhio a quelle iscrizioni che ricordano il soggiorno romano di personaggi illustri, la nascita o la residenza di chi vi era nato o solamente vi era vissuto, tentare una Spoon River della fama, non è che uno tra i mille e mille modi di ricomporre quel puzzle che è una città, che è particolarmente Roma” (pag. 11). Saltabeccare ma non troppo...
Scheda LETTERATURA
McEvoy Emma
Avi è un ragazzo israeliano rinchiuso in una prigione nel deserto del Negev. Non ha commesso particolari delitti. E' stato arrestato perché rifiuta di servire l'esercito israeliano oltre i confini del 1967, nei territori occupati. "Dovrei essere a Gaza adesso, e attendere al mio servizio militare. Invece eccomi qui. Questo è l'evento più interessante da annotare sulla mia vita al momento". Dalla sua cella Avi scrive la storia dell'amico Saleem,...
Scheda LETTERATURA
Bolognese Chiara
C’erano molti modi per scrivere una monografia su Roberto Bolaño, quello stesso che R.Brodsky, proprio nell’introduzione a “Piste di un naufragio”, ha presentato come un autore “inconfrontabile, di transizione, creatore di una funzione senza terra e come un pesce fuor d’acqua all’interno del paradosso della modernità liquida” (pag. 11). La ricercatrice universitaria Chiara Bolognese, col suo libro, è probabile abbia scelto la via più...
Scheda LETTERATURA
Dimartino Alessio
"C’è posto tra gli indiani" è un romanzo da leggere con un unico obiettivo, a mio avviso: seguire le briciole che lasciano personaggi, narratori e incastri di scene. Seguire il flusso, abbastanza prepotente, che spinge e tira. Non va capito con la pretesa di esser di fretta, di cercare linearità e soprattutto realismi. Tutt’altro, è una storia dove le dosi di surrealismo premono e spingono, entrano poi fuggono. È una storia ricca di spunti di...
Condividi contenuti